CATALOGO ASTA 99
ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA + DESIGN
27 MAGGIO 2021

91



Stephan Balkenhol

Grosses Relief (Frau)

Firma dell'artista sul certificato
Pittura su legno wawa
cm 240x120x4
Eseguito nel 2002

Provenienza: Deweer Gallery, Otegem, Belgio;
Collezione privata, Belgio

Esposizioni: Stephan Balkenhol, Deweer Gallery, Otegem, Belgio, 2002, illustrato nel catalogo della mostra;
Sculptures and Reliefs, National Museum of Art, Osaka, Giappone, dal 29 aprile al 18 luglio 2005, illustrato nel catalogo della mostra;
Intersezioni 3 - Balkenhol/Delvoye/Quinn, Parco Archeologico di Scolacium, Catanzaro, Italia, dal 14 luglio al 14 ottobre 2007, illustrato nel catalogo della mostra a p.27;
Stephan Balkenhol - Houtsculpturen uit privécollecties , CC Scharpoord, Knokke-Heist, Belgio, 2018

Fotografia dell'opera autenticata dall'artista in data 20 maggio 2008

 




Grosses Relief (Frau), eseguito nel 2002, è un grande dipinto su legno di wawa, materiale caratteristico dell’artista, ottenuto attraverso la tecnica “mista” tipica di Balkenhol, che unisce
l’intaglio alla pittura del legno.
Il grande artista tedesco infatti ama scolpire e dipingere contemporaneamente per realizzare i suoi ritratti. I personaggi dell’artista tedesco sono solitamente dipinti con semplici combinazioni di colori senza tempo ma familiari e conservano le scanalature, le crepe e le scheggiature che ne esaltano e ricordano il processo di creazione, tanto grezzo quanto spontaneo.
Stephan Balkenhol è solito scolpire le sue figure con un martello e uno scalpello direttamente da singoli tronchi, spesso realizzati in legno di wawa o cedro, senza cercare di cancellare le tracce lasciate dagli strumenti che utilizza.
Questa tecnica unica, potente, grezza e genuina crea una sensazione di individualità che è specifica per ogni scultura, ulteriormente rafforzata dai colori scelti per strutturare e animare le figure rappresentate. 
“Cerco di dare loro un’espressione aperta agli altri, - spiega l’artista - da lì in poi, tutte le situazioni sono possibili… Le mie sculture non raccontano storie. C’è qualcosa che ha a che fare con la segretezza. Non sta a me rivelarlo, ma allo spettatore a scoprirlo da solo”.
L'artista evita volutamente descrizioni dettagliate nei titoli delle sue opere, esattamente come in “Grosse Relief (Frau), questo per ribadire l'assoluta normalità dei suoi personaggi.
Secondo la storica dell’arte, critica e giornalista Claudia Thiel le sculture di Balkenhol non servono solo allo scopo di raffigurare qualcosa, ma sono deliberatamente mantenute semplici e prive di emozioni per rimanere aperte a qualsiasi possibile interpretazione da parte dello spettatore. Possono anche servire da specchio per i sentimenti, i desideri e le speranze che chi le guarda si porta dentro.
Così l’artista tedesco si oppone alla tradizione del monumento con una chiara antitesi: invece di rappresentare personaggi storici, eroi o grandi pensatori, si concentra sulla normalità e la semplicità, non per questo banali e anzi sempre ricche nei loro significati. Il procedimento creativo di Balkenhol, bene evidente in questa emblematica opera, porta avanti la lunga tradizione dell'intaglio del legno in Germania, e lui stesso invita a confrontare il suo lavoro
con scultori espressionisti quali Ernst Ludwig Kirchner ed Ernst Barlach.
Il curatore internazionale Matthias Winzen parla proprio di questi concetti in occasione dell’esposizione “Stephan Balkenhol: Sculptures and Reliefs” tenuta nel 2016 all’interno degli spazi del Museo di arte moderna di Mosca (MMOMA): “come gli umani non sarebbero se stessi senza imperfezioni, le superfici ruvide (di Balkenhol) e i tagli creano la sensazione di una forza vitale nascosta all'interno delle figure di esseri umani apparentemente apatici, una prova
dell'amore e della fede dell'artista per l’umanità.”.

 

 

LOTTO 91

Stima

€ 55.000,00 - € 80.000,00

CONTATTA IL DIPARTIMENTO


Memmo Grilli

memmogrilli@blindarte.com
 

Assist

info@blindarte.com

NAPOLI | +39 081 2395261
assist@blindarte.com 

MILANO |
+39 02 36565440
assistmilano@blindarte.com